tpi-back

giovedì 3 gennaio 2008

una proposta meritoria




Ho letto questa mattina a pagina 7 de la Repubblica un piccolo trafiletto che contiene una grande notizia. "Ogni parlamentare dovrebbe donare mille euro a favore dei familiari colpiti dalla strage della ThyssenKrupp" è la dichiarazione fatta dal deputato dell'Italia dei Valori, Stefano Pedica, che chiederà ai presidenti di Camera e Senato di parlarne alla prima riunione dei capigruppo. La proposta prevede un prelievo, una tantum, di mille euro dall'indennità parlamentare di ogni singolo deputato e senatore, per aiutare economicamente le famiglie dei sette operai morti nel rogo di Torino. In aggiunta a ciò, l'onorevole (in questo caso mi sembra che il titolo stia bene con la persona che se ne fregia) Pedica ha detto che presenterà prossimamente una proposta di legge per istituire (in via permanente) un fondo di solidarietà per i famigliari delle vittime del lavoro, della strada, del dovere, "...un fondo che aiuti lo smarrimento del primo momento, quello più triste, dove si piange la vittima e non si pensa al venir meno della parte economica." ha così concluso il deputato dell'IdV. In un primo momento, ho pensato, leggendo la notizia, che sia l'onorevole che parlava, sia il giornalista che scriveva, fossero sotto gli effetti dei fumi dell'alcol dovuti ai festeggiamenti di fine anno, ma poi, rileggendola bene, e andando a vedere il sito della Camera dei Deputati (http://www.camera.it/), e guardando la foto di Pedica, mi sono convinto che non può essere un membro degli alcolisti anonimi...Ho deciso di dare spazio a questa notizia (che altrimenti si sarebbe persa nel mare magnum degli articoli post-capodanno) perchè andava sottolineato il coraggio e la nobiltà d'animo dell'onorevole (questa volta sì); una presa di posizione più che meritoria di un rappresentante del popolo, il quale, sapendo di poter contare su un discreto appannaggio economico (confrontare gli emolumenti dei politici: http://www.camera.it/deputatism/4385/documentotesto.asp), ha pensato bene di dare il buon esempio e di gettare un meritorio "sasso" istituzionale nel melmoso stagno di Montecitorio e di Palazzo Madama, dove non tutti gli inquilini eccellenti hanno dato in passato prove di sensibilità e di reale interesse per la collettività, come ha fatto questa volta il buon Stefano Pedica. Complimenti davvero.

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page