tpi-back

sabato 29 dicembre 2007

il padoa-schioppismo paga


Devo dire che per la seconda volta, nel giro di una settimana, mi trovo completamente d'accordo con l'analisi, intelligente e acuta, fatta dal vicedirettore de la Repubblica Massimo Giannini a proposito della conclusione, positiva, dell'affare ALITALIA/Air France-KLM e del decisivo intervento del ministro Tommaso Padoa-Schioppa, che ieri ha sciolto la riserva (anticipando la decisione prevista per metà gennaio) dando, a nome del Governo, il suo placet alla vicenda. A margine della notizia, inutile parlare delle solite, nauseanti e becere polemiche del partito del Nord, con Roberto Formigoni in testa, seguito a ruota dall'onnipresente Calderoli, dall'ormai rottamabile Bossi e da tutta la schiera degli insoddisfatti (per i loro mancati, personali interessi) che vedono ormai la loro roccaforte di Malpensa praticamente espugnata. L'editoriale di Massimo Giannini sulla prima pagina de la Repubblica di oggi, intitolato "il partito del mercato", contiene anche un'implicito riconoscimento (che mi trova pienamente d'accordo) al laborioso, difficile, criticato e, quasi sempre, osteggiato percorso operativo del ministro dell'Economia. Debbo confessare che l'ex vicedirettore generale della Banca d'Italia, nonchè ex presidente della Consob, non risulta di primo acchito uno particolarmente simpatico e divertente. Certo, non avrà la verve trascinante di un Fiorello, non avrà il sorriso a 84 denti come il caimano di Arcore, non avrà la faccia da insegna di macelleria come Calderoli, ma almeno ha una qualità inconfutabile il nostro ministro: la cocciutaggine e i rigore morale di chi non guarda in faccia a nessuno e di chi non ha nessuna tessera di partito in tasca. Tanto è vero che Padoa-Schioppa è l'unico tecnico della compagine governativa di Prodi. E i risultati si sono visti. La situazione disastrosa dei conti pubblici, ereditata dalla bella coppia Berlusconi-Tremonti, ha impegnato allo spasimo il sessantasettenne economista di Belluno, che a testa bassa, senza ascoltare nessuna sirena adulatoria, e con la forza di un carroarmato, ha praticamente raso al suolo il vecchio edificio degli evasori fiscali di ruolo. Ha rideterminato la nuova politica fiscale ed economica del governo Prodi, ha di fatto mandato in pensione i figli (e figliastri) del sarchiapone Tremonti. Non male per una perfetta e semisconosciuta eminenza gigia del pianeta economia. Così facendo ha anche creato di fatto una nuova corrente di pensiero, una sorta di partito-non partito, un neologismo politico: il padoa-schioppismo (con il trattino, come il suo cognome). E senza nemmeno bisogno del finanziamento pubblico destinato ai partiti, il padoa-schioppismo ha innalzato il vessillo della trasparenza dei conti, e del rigore sulla spesa pubblica, sul ministero di via XX settembre, facendo intendere agli inquilini del palazzo che l'aria è cambiata e di molto. E non è più viziata e maleodorante (e senza nemmeno più la erre moscia...) come era prima.

2 Commenti:

  • Alle sabato 29 dicembre 2007 12:57:00 GMT+1 , Anonymous Anonimo ha detto...

    Oggi voglio esprimere,prima di tutto,la più netta condanna per l'attentato che ha funestato il Pakistan,dimostrando quanto è dura in determinati paesi la lotta per la democrazia,la laicità e per l'emancipazione femminile.Secondo,voglio essere fazioso,dicendo che ,se la decisione del governo,sul caso Alitalia,fa infuriare la Lega,sicuramente è quella giusta.Mauro

     
  • Alle sabato 29 dicembre 2007 14:17:00 GMT+1 , Blogger nomadus ha detto...

    Mi ero ripromesso di scrivere un post sulla strage di Rawalpindi (parlando anche un pò della "maledizione" che ha funestato la storia delle grandi famiglie internazionali come i Bhutto, i Kennedy, i Gandhi) ma questa volta mi hai preceduto, caro MAURO. Mi associo totalmente al cordoglio per la morte violenta di Benazir, una DONNA coraggiosa, con il dna della democrazia e della tolleranza politica e religiosa, come poche nella storia. Sapeva di andare incontro al martirio, sapeva (e l'aveva esplicitamente detto) che Musharraf le avrebbe sbarrato la strada per impedirle di vincere le elezioni del prossimo 8 gennaio. Nonostante ciò, per amore della libertà e della convivenza civile e religiosa, ha coscientemente sacrificato la sua vita per dare l'esempio (morale e spirituale) di come si deve privilegiare l'interesse della comunità rispetto a quello personale. Non so quanti esempi di questo genere (con le dovute proporzioni, ovviamente) potremmo avere nel nostro Paese. Per quanto riguarda il discorso nostrano della vicenda ALITALIA, come sai avevo già espresso il mio orientamento nel post di sabato scorso ("matrimonio alla francese")e mi sembra di averlo confermato anche oggi. Grazie ancora per i tuoi commenti, caro MAURO. Se non ci fossero, io avrei serie difficoltà a interagire con qualche ospite del mio blog...

     

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page