tpi-back

lunedì 26 maggio 2008

il direttore (criticone) e la parlamentare (popolana)




La rivolta di sabato scorso a Chiaiano contro l'apertura del sito della discarica per la munnezza non ha soltanto provocato le ire (comprensibili) dei cittadini napoletani ma ha innescato anche una feroce polemica politico-giornalistica tra il direttore de il Giornale di casa Berlusconi, Mario Giordano, e la parlamentare del PdL Alessandra Mussolini, che, un pò Masaniello in gonnella, aveva partecipato alle proteste della popolazione partenopea, scendendo in piazza dietro le barricate e attirandosi gli strali critici di Giordano e di alcuni uomini politici del suo stesso schieramento (Calderoli in primis). Conoscendo il carattere fumantino della nipote del Duce non mi ha sorpreso più di tanto la scelta dell'onorevole anti-Sgarbi per eccellenza di essere tra il popolo per il popolo, sbraitare e sposare la causa dei rivoltosi. C'è da dire che l'aplomb oxfordiano non fa parte del Dna della Mussolini; diciamo pure che viene fuori in questi casi più il Dna da popolana che da parlamentare o da donna delle istituzioni, con inclinazione alla diplomazia. Fatto sta che la sua scelta ha dato modo a Giordano di criticarla sulla prima pagina del quotidiano milanese costringendo la Mussolini ad una replica, pubblicata oggi, che vi voglio riproporre. Gentile Direttore, mi vedo costretta a replicare all'articolo di fondo pubblicato a Sua firma su Il Giornale ad una serie di accuse rivoltemi assolutamente fuori luogo, condite da aggettivazioni che un Direttore di un quotidiano così importante farebbe bene a non utilizzare. Proverò a riepilogare a beneficio Suo e dei lettori quanto è accaduto nella giornata di ieri. Alle ore 10,30 circa ho ricevuto la telefonata della signora Ida Napolitano, residente a Chiaiano, che agitatissima mi ha raccontato degli incidenti che si stavano verificando in zona. Ho subito provato a tranquillizzarla, anticipandole che mi sarei attivata per contattare i rappresentanti del Governo per capire meglio cosa stesse succedendo. Ho, quindi, contattato il Ministro Maroni, il Ministro La Russa e il Sottosegretario Alfredo Mantovano per riferire loro i fatti così come raccolti. Ho, quindi, ricontattato la Signora Napolitano per tranquillizzarla. Verso le 11,30 ho ricevuto la telefonata del Capo della Polizia Manganelli, che mi ha con molta cortesia riepilogato lo stato della situazione a Chiaiano e con lui abbiamo concordato che un mio intervento sul posto poteva essere di ausilio a sedare gli animi e riportare la calma, come successivamente è effettivamente avvenuto. Ho, pertanto, preso la strada per Chiaiano informando il Ministro La Russa, che ha condiviso la mia azione. Giunta sul posto ho ascoltato i cittadini, le loro ragioni e le loro proteste, e ho ragionato con loro dell'iniziativa del Governo sull'emergenza rifiuti. Tra quei cittadini vi erano anche rappresentanti politici locali di ogni schieramento, i quali mi hanno chiesto che oggi fossi con loro per l'incontro con il Sottosegretario Bertolaso, proposta che ho accettato e che ho comunicato anche al Ministro La Russa. Per sapere queste cose Le sarebbe bastato farmi raggiungere telefonicamente da uno dei Suoi valenti collaboratori, così come correttamente fatto da altri quotidiani nazionali: ma probabilmente aveva già confezionato il pezzo di oggi, preferendo ignorare la verità. Concludo: certamente ha ragione Lei, Direttore. Avrei potuto utilizzare il sabato per stare con la mia famiglia, per fare shopping o andare al cinema. Ma un rappresentante del popolo ha il dovere di rispondere ed essere presente non solo in campagna elettorale ma anche e soprattutto quando vi sono tensioni e difficoltà. Se serve, prendendosi anche qualche insulto dagli avversari e dai Direttori dei giornali. Questo è il mio ruolo. La saluto augurandoLe di passare un buon pomeriggio, andando al cinema o a fare shopping con la Sua famiglia. Con rispetto, che è quello che a Lei è mancato. Alessandra Mussolini. Questa la pepata lettera della Mussolini al direttore de il Giornale. E questa è la risposta di Giordano. Cara Onorevole, lei sostiene di essere andata a Chiaiano per placare gli animi. In effetti: tutti sanno che è la sua specialità. Dove arriva lei si placano gli animi. In tv, nei dibattiti politici, nei comizi elettorali: si è costruita una carriera politica come placatrice d’animi. Lei è il Gianni Letta del Vesuvio, il nuovo Talleyrand, il Churchill con la pummarola in coppa. Una fine diplomatica, insomma, maestra nell’arte di smussare gli angoli senza alzare mai la voce. Le conosciamo tutte queste sue caratteristiche, no? Suvvia, dica la verità. Lei a Chiaiano non voleva placare gli animi. Voleva prendersi un pezzo di visibilità. E voleva farlo in mezzo alla gente, come lei stessa ha detto, perché (gliene va dato atto) questa è stata la sua caratteristica da sempre, ciò che la fa apprezzare da molti italiani e che fa impennare gli indici d’ascolto durante i suoi show. Lei è sanguigna, genuina, popolare nel senso migliore del termine. Ci è sempre piaciuta per questo. Ma adesso sia onesta con se stessa. Lo ammetta: pensare di placare una rivolta con un comizio della Mussolini è come pensare di spegnere un incendio con una doppia tanica di benzina. Si rilegga il mio editoriale. Forse, oltre che la situazione e l’opportunità, non ha capito neppure quello. Non ho insultato nessuno, non ho rivolto accuse fuori luogo. Semplicemente ho notato che la sua presenza nella piazza della rivolta, accanto a un autobus bruciato e ai resti delle bombe carta, era inopportuna. E continuo a pensarlo. Per altro, temo di non essere il solo. Il suo compagno di partito Italo Bocchino, per esempio, vicepresidente vicario dei deputati del Pdl, ieri ha detto: «Invito i politici di tutti gli schieramenti, siano politici di centro destra o di centro sinistra, a stare tutti dalla parte del governo e dello Stato e dunque a non partecipare alle manifestazioni contro l’apertura dei siti per lo smaltimento dei rifiuti. Dietro a questi eccessi si legge chiaramente lo zampino della criminalità organizzata». Lei, cara Mussolini, pensa che anche il suo vicepresidente Bocchino la stia insultando? Per il resto, c’è poco da dire. Il suo racconto della giornata al telefono con Maroni, La Russa e Manganelli è appassionante come una retrospettiva sul cinema del Kazakistan. E non cambia una virgola sul significato del suo gesto dell’altro giorno. Lei è andata in mezzo ai rivoltosi e ha dichiarato: «Io sto dalla parte della gente». Siccome conosce la politica da tempo, avendola succhiata insieme al latte del biberon, lei sa benissimo che nessuna amabile conversazione telefonica, foss’anche col Papa in persona, potrebbe cancellare il messaggio che lei ha voluto lanciare. E il messaggio era semplice: fra rivoltosi e polizia, io sto coi rivoltosi. Punto. Questo, per me, è inaccettabile. E il fatto che lei sia un deputato eletto nelle file del Pdl, a mio modo di vedere, rende il tutto ancora più grave. Il resto sono chiacchiere da salotto, che, appunto, potevamo serenamente risparmiarci se lei avesse utilizzato quelle ore per andare al cinema o per leggere un libro. O, magari, per studiare un po’ più a fondo il problema dei rifiuti, che per essere risolto ha bisogno di tutto, tranne che della sua demagogia. E per quanto riguarda il sottoscritto, si tranquillizzi: la domenica pomeriggio l’ho passata, come sempre, in redazione. Osservare e raccontare l’Italia, oggi, è assai più divertente che fare shopping. E, per quanti guai posso combinare, non riuscirò mai a essere al pari con lei. Caspiterina! Non male come risposta questa di Giordano. E devo riconoscere che mi è piaciuta. Quasi mai sono stato d'accordo con le idee e con gli editoriali dell'ex direttore di Studio Aperto, ma questa volta è diverso: tra il direttore criticone e la parlamentare popolana, beh, sto dalla parte del direttore.

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page