tpi-back

sabato 8 marzo 2008

Matrix e il megaspot a Carlo Verdone




La puntata del fine settimana di Matrix su Canale5, andata in onda ieri sera, ha permesso a Enrico Mentana (milanese doc e interista sfegatato) di omaggiare l'ultima fatica cinematografica di Carlo Verdone (romano altrettanto doc e romanista altrettanto sfegatato), ospitandolo in trasmissione insieme al cast di Grande, grosso e...Verdone, ossia Claudia Gerini, Geppi Cucciari ed Eva Riccobono. Una sorta di megaspot (interrotto dai soliti spot) del ventesimo film (come regista e attore, più altri sette nella veste di solo attore) del comico trasteverino, dirimpettaio dell'indimenticato Alberto Sordi, che, giunto alla soglia dei 58 anni, ha voluto riproporre, in questo film ad episodi, una sorta di filo di Arianna dei suoi precedenti capolavori: Bianco, rosso e Verdone del 1981, e Viaggi di nozze del 1995. Bene ha fatto Mentana a seguire un filo logico e filmografico della carriera di Carlo Verdone, inframmezzando i trailers dell'ultima pellicola con altri spezzoni dei precedenti successi dell'attore e regista romano, in una efficace ed esilarante miscellanea di facce, tic, caratterizzazioni dell'immensa galleria di personaggi verdoniani, compresi quelli dell'esordio teatrale e televisivo (http://www.video.mediaset.it/video.html?sito=matrix&data=2008/03/07&id=2818&categoria=servizio&from=matrix) oramai impressi nella memoria collettiva cinematografica. Ancora una volta sono costretto a ripetermi. Preferisco senza ombra di dubbio il Matrix by Mentana così strutturato, sciolto, ilare, confidenziale, piuttosto che il Matrix aula di tribunale catodico o, peggio ancora, il Matrix replica (incompleta) della "terza camera" vespasiana (leggero doppio senso voluto sull'aggettivo in questione)...

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page