tpi-back

martedì 6 maggio 2008

l'ennesima brutta figura di Gianfranco Fini




Come ben sa chi segue questo blog il neo presidente della Camera dei Deputati, Gianfranco Fini (200.677), non è mai entrato completamente nelle mie simpatie. Sia per motivi ideologicamente contrapposti (e meno male), sia per certi antipatici atteggiamenti, istituzionali o meno, avuti nel recente passato dall'esponente di Alleanza Nazionale. Nemmeno l'esser diventato nuovamente papà, alla non più giovanissima età di 56 anni, della piccola Carolina, nata qualche mese dalla sua relazione con l'ex soubrette nonchè avvocato Elisabetta Tulliani (6.434), l'ha in un certo qual modo ammorbidito, smussandone angoli caratteriali e spigolosità nel porsi nei confronti dell'interlocutore. A sostegno della mia personale antipatia finiana viene in soccorso oggi un bellissimo articolo scritto da Ida Dominijanni (28.363) su il manifesto, in prima pagina, dal titolo "Gianfranco Fini, relativamente parlando" che vi voglio riproporre integralmente. Qual è il criterio che arma il giudizio di Gianfranco Fini, secondo il quale l'assassinio naziskin di Nicola Tommasoli a Verona e la contestazione della Fiera del libro da parte dei centri sociali di Torino "non sono paragonabili", e tuttavia la seconda è più grave del primo? Relativismo etico, cinismo morale, strumentalità politica, giustificazionismo fazioso? O più semplicemente il ricorso all'antica favola degli opposti estremismi, da sempre utile nella storia della Repubblica per assolvere quello di destra e condannare quello di sinistra? A soli cinque giorni dal suo discorso solenne e furbo d'insediamento alla presidenza della Camera, nel quale si era incoronato da solo paladino e arbitro del Vero e del Giusto contro il nuovo "male del secolo" che sarebbe il relativismo culturale, Fini getta clamorosamente la maschera politica e quella (si fa per dire) intellettuale. I due fatti, di Verona e di Torino, "non sono paragonabili", però lui li paragona eccome. Per giudicarli non secondo un criterio di verità, o più umilmente di umanità come il caso vorrebbe (c'è qualcosa di meno umano che ammazzare di botte qualcuno per una sigaretta?), bensì secondo il più relativo nonchè disumano dei criteri. La contestazione torinese (lui la chiama "astio antisemita giustificato con una politica antisionista") è più grave, sostiene, dell'assassinio veronese, perchè la prima è ideologica, la seconda è casuale. Lì c'è violenza politica, qua c'è criminalità comune "con una distorta ideologia nazista nella testa". S'è mai sentito un criterio più relativo di questo? E un cinismo politico più becero e più autoreferenziale? Considerando i due fatti effettivamente imparagonabili non cadremo nella trappola di Fini e non ci metteremo a paragonarli all'incontrario, nè per dire che l'assassinio di Verona è ideologico nella misura in cui i suoi esecutori vivono identificandosi con la sigla naziskin, nè per dire che se non lo è sarebbe più grave che se lo fosse, stando ad indicare in questo caso che valori e comportamenti naziskin sono entrati sottopelle nel senso comune giovanile e non solo. Ma Fini non si limita al suo paragone relativista e anche di fronte alla tragedia di Veronainsiste, come dall'alto scranno della Camera, a proporsi come giudice e castigatore dei costumi. Non ci sono cinque assassini naziskin con le loro responsabilità specifiche, ci sono "giovani privi di esempi, di volontà positiva, di ancoraggio, che spesso fanno riferimento al branco e nove volte su dieci sono dei vili, incapaci di affermare la propria personalità, spesso pieni di sostanze stupefacenti e di alcool". O tempora o mores, la colpa è delle canne e delle birre, il gesto efferato dei cinque naziskin viene diluito nella crisi dei valori e Fini, siccome con quella sigla non c'entra niente ed è un uomo di Stato ripulito dal ciarpame ideologico del secolo scorso, dall'alto del suo ruolo immacolato bacchetta scuola, famiglia, cinema e tv e invoca "il ruolo pedagogico della politica". Si riferiva a se stesso, nel suo discorso alla Camera, sentenziando che "la libertà è minacciata nel momento in cui nel suo nome si teorizza una presunta impossibilità di definire ciò che è giusto e ciò che non lo è"? Quale imbarazzo o quale sovrana indifferenza gli impedisce di guardare alla tragedia di Verona con un sentimento nudo di dolore e di condanna, invece di ammantarsi di metri relativi, condanne dell'ideologia altrui e prediche moraleggianti per tutti? Ma Fini è un uomo di Stato, come Bruto che era un uomo d'onore, e tanto basta. Da uomo di Stato e d'onore, Fini aveva condannato il relativismo culturale, che è la sana e irrinunciabile capacità di leggere le culture diverse dalla nostra, confondendolo con il relativismo etico, che è l'insana e pilatesca scappatoia di chi sfugge al giudizio morale dei fatti usando i metri e le misure che più gli convengono. Di fronte alla tragedia di Verona la maschera è caduta e ora si capisce che sotto non c'era solo ignoranza. Condannare il relativismo culturale come "male assoluto" va benissimo per instillare diffidenza, incomprensione e odio per chi è diverso da "noi" e minaccia la sicurezza proprietaria degli abitanti "legittimi" di Verona o di Roma o di qualunque altro posto. Praticare il relativismo etico va altrettanto bene per lavarsi le mani quando il male assoluto, senza virgolette, si manifesta dentro quel "noi", rivelando l'odio e la violenza che immancabilmente lo fratturano. Questo lo splendido articolo di Ida Dominijanni che io mi sento di sottoscrivere punto dopo punto, virgola dopo virgola. E non solo perchè attacca il neo presidente della Camera (come forse non l'avrei attaccato neppure io), ma soprattutto per la bontà del filo logico e intellettuale che segue per tutto il percorso dell'articolo stesso. Brava Ida! Se ti dovesse capitare per sbaglio di leggere questo mio post (un pò come successe qualche tempo fa a Luca Telese) contattami nella pagina dei commenti. Vorrei sdebitarmi con te per questa mirabile stoccata finiana, magari offrendoti una bella colazione. Perchè no. Mi sembra il minimo.

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page