tpi-back

giovedì 8 maggio 2008

l'assessore trombato dal sindaco




Non equivocate sul titolo, cari lettori. Non si tratta di un caso di manifestazione sessuale tra due persone non etero. E' tutta un'altra storia. La notizia è di pochi minuti fa. L'assessore alla cultura di Milano, Vittorio Sgarbi, è stato trombato dal sindaco Letizia Moratti. Praticamente licenziato in tronco. Sollevato dall'incarico e dalle funzioni. E il tutto, guarda un pò a volte il destino, per una delibera a favore di una manifestazione artistica gay che Sgarbi avrebbe firmato senza averne avuto potere o titolo. Il sindaco non aveva dato il suo consenso, il critico d'arte (come al solito) se n'è fregato e la grana è scoppiata con fragore. Inutile sottolineare che le recenti uscite televisive alquanto improvvide del fumantino Sgarbi abbiano deteriorato il rapporto istituzionale tra l'assessore e il sindaco. La Moratti, si sa, è abituata a un low profile, non gradisce esternazioni colorite infarcite di parolacce e men che meno atti di arroganza e di superbia come quello che oggi hanno determinato la "trombata". Come è prassi in questi casi, il sindaco di Milano ha assunto ad interim la carica di Assessore alla cultura. Non si hanno notizie di reazioni da parte di Sgarbi, anche se m'immagino gli smoccolamenti inevitabili da parte sua...

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page