tpi-back

giovedì 10 aprile 2008

lettera aperta a Silvio Berlusconi


A tre giorni dal voto mi sembra opportuno pubblicare nel mio blog una lettera aperta inviata al kapo del Popolo della Libertà, Silvio Berlusconi, da Tommaso Fulfaro e apparsa sul sito di Art.21 (http://www.articolo21.info/). Una lettera aperta che mi sento di sottoscrivere riga per riga, virgola per virgola, punto per punto. Spero che chi l'ha letta possa inviarla tramite spamming all'indirizzo del sito di uno degli uomini di fiducia del cavaliere, vale a dire Renato Brunetta, che è info@portaledelleliberta.eu in modo da farla leggere a tutti gli aficionados berlusconiani e a tutti quegli italiani che si stanno accingendo a votare ancora una volta per la persona sbagliata. Ecco il testo della lettera. Caro Silvio, ho ricevuto la Tua garbatissima lettera alla quale spero di essere in grado di dare una significativa risposta. Nella missiva, Ti rivolgi a me chiedendomi il voto per "un governo forte, efficiente, coeso, capace di dare risposte concrete ai bisogni di tutti". Nel leggerTi ho pensato in un Tuo rinsavimento perchè se l'intento del PdL è quello da Te presentato è nettamente contrario da quello portato avanti, dalla Tua coalizione, da quindici anni a questa parte. Nel secondo capoverso, del Tuo scrivere, attacchi Prodi per aver aumentato le tasse, a me non risulta, è certo invece che finalmente le ha fatte pagare ad una categoria, quella degli evasori e/o elusori, da molti anni protetti da leggi e condoni emanati dal Tuo governo. Insisti nel dichiarare che Prodi ha fatto piangere tutti nei due anni di governo, mentre si scopre, senza ombra di dubbio, che se c'è persona che ha fatto e sta facendo piangere gli italiani sei proprio Tu. L'Ocse recita: l'Italia in declino dal 2001 al 2006. Silvio, urge ricordare che in quel periodo al governo del Paese c'eri Tu. Ancora: "In questa situazione, noi non promettiamo miracoli, sappiamo di non avere la bacchetta magica." Finalmente, ho pensato, è tornato un essere umano, non pretende più di essere un "Unto dal Signore", poi continuando a leggerTi scopro che pur non essendo più inviato sulla terra (ma proprio in Italia dovevi capitare?) per una missione salvifica continui ad esercitare il mestiere del "faccio tutto mi". Ancora, ancora: "Vogliamo riprendere il cammino interrotto due anni fa, vogliamo completare le riforme per modernizzare l'Italia e"...? Caro Silvio, errare è umano, perseverare è diabolico. E' mai possibile che, pur con una coalizione che comprendeva Mastella, Dini e purtroppo anche altri, il governo Prodi con enormi sacrifici ci ha riportato a rispettare i parametri europei, e Tu invece riproponi il vecchio, che tanto ha danneggiato non solo la nostra economia, ma anche l'immagine "Italia"? Ancora, ancora, ancora: parli dei vecchi "campioni" del governo Prodi, che sono tutti ricandidati con Veltroni; anche qui si scopre che l'arte del mentire fa parte del Tuo Dna, o di chi per Te ha scritto la lettera. Nella Tua coalizione è ripresentato tutto il vecchiume, ma se vecchiaia e saggezza fossero coniugati, non ci sarebbe niente di male, ma Tu riesci a mettere insieme tutti coloro che hanno saputo fare leggi certamente utili ai Tuoi interessi ma, altrettanto, certamente dannose verso l'intero Paese. Per ragioni di spazio non le elenco, ma credo che gli italiani abbiano sufficiente memoria per ricordarle. Da ultima basta vedere, ancora una volta, con che vergognosa legge dobbiamo esercitare il diritto democratico del voto. Ultima, almeno per oggi. Ancora: Silvio, mi preme ricordarTi che il motto "Rialzati, Italia!" con il quale concludi la Tua missiva, è una illegittima espropriazione fatta nei riguardi di chi, avendola trovata in ginocchio, dopo il Tuo allegro governare, ha già provveduto a rimetterla in piedi. Restituisci, almeno per una volta, i meriti a chi ne ha e prendi per Te le colpe, un minimo di onestà potrebbe esserTi utile un domani, che spero ancora molto lontano, quando dovrai rendere conto del Tuo operato terreno, ed un oggi che, spero per il bene di tutti, veda la Tua coalizione perdente. Aiutaci anche Tu. Lo stai già facendo: se continui a scrivere e parlare, il livello immunitario degli italiani, nei Tuoi riguardi, si alzerà di molto. Questa sarà la migliore garanzia per il nostro domani. Un forte, cordiale abbraccio. Tommaso Fulfaro (e tpi-back).

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page