tpi-back

mercoledì 19 dicembre 2007

una persona per niente Speciale


Mi rincresce dedicare questo post all'ex comandante della Guardia di Finanza, Roberto Speciale, sollevato dall'incarico con una decisione (forse giusta nella sostanza, poco elegante nella forma) del ministro dell'Economia Padoa Schioppa che ancora oggi genera polemiche nel governo, anche alla luce della recente sentenza del TAR sul ricorso dell'ex generale. I giudici del Tribunale Amministrativo Regionale del Lazio hanno dato ragione a Speciale, riammettendolo nelle funzioni di comandante della GdF, ma l'eclettico alto ufficiale ha fatto retromarcia ed ha rinunciato all'incarico, sostenendo (davanti alle telecamere di SkyTG24) di fare un passo indietro per spirito di servizio, per riguardo alla Guardia di Finanza e per chiudere questa vergognosa (così l'ha definita) polemica, oltre ad affermare che non intendeva collaborare con questo governo. Dicevo all'inizio che mi rincresce dedicarmi al generale, perchè secondo me ci sono tanti altri fatti ed accadimenti molto più importanti della vicenda Speciale. Ma mi sono ripromesso di parlarne anche perchè trovo perlomeno inusuale che un attrito tra governo (nella figura di Padoa Schioppa e del suo vice Visco) e una così alta carica delle forze armate porti ad un logoramento istituzionale e politico di così ampia portata da far ritenere, al sottoscritto, che tutto ciò sia stato (dietro le quinte) architettato e fomentato ad arte dall'opposizione (in primis Forza Italia, o ciò che ne rimane di esso, e AN) per trovare il classico grimaldello politico-istituzionale per mettere in difficoltà l'Esecutivo e più in particolare il ministro dell'Economia, uno che sta randellando ben bene il derma del tessuto sociale, fino ad ora immune da siffatti eventi di pulizia morale e politica, al fine da dare una scossa positiva alla società dei falsi moralizzatori e dei politici da grancassa, di quelli cioè che predicano bene e razzolano male, di cui il quinquennio appena trascorso ci ha lasciato un percepibile e incontestabile tratto. Certo, il generale Speciale (uno che ha servito per 46 anni lo Stato) poteva evitarci i suoi viaggi, con elicotteri ed aerei della GdF, che niente avevano a che fare con ragioni di servizio; men che meno il seguito di mogli e amici degli amici per mangiare spigole e pesce fresco sulle Dolomiti o chissà quant'altro a noi ignoto. Un servitore dello Stato, secondo una giustificata usanza, quando viene a sapere di essere sotto inchiesta, dalla procura militare e dalla Corte dei Conti, per accadimenti poco chiari e poco istituzionali immediatamente rassegna le proprie dimissioni dalla carica, soprattutto per sgombrare il campo da sospetti e da equivoci di sorta, e per permettere il naturale decorso dell'attività investigativa. Questo normalmente avviene quando si tratta di personaggi politici o militari normali. Certo, quando uno si chiama Speciale...

2 Commenti:

  • Alle giovedì 20 dicembre 2007 18:46:00 GMT+1 , Anonymous Anonimo ha detto...

    Mi ero preoccupato per il tuo breve silenzio.Comunque,non mi ritengo il depositario della verità,ma il comportamento del Generale Speciale non mi è piaciuto affatto.Il suo atteggiamento sembra motivato soltanto,oltre che da un tornaconto personale,dalla volontà di creare grattacapi all'attuale esecutivo.Naturalmente,se qualcuno ha un'opinione differente,il suo intervento sarebbe molto gradito.Mauro

     
  • Alle giovedì 20 dicembre 2007 18:52:00 GMT+1 , Blogger nomadus ha detto...

    Caro MAURO, il mio breve black-out di questi giorni è scaturito da problemi alla linea ADSL che la Telecom ha provveduto a soluzionare con la consueta tempestività (cinque giorni...)dandomi l'impressione che il pagamento del canone è sempre più giustificato per i loro servigi...A parte tutto, sono contento che anche sul pezzo dedicato a Speciale sei in larga parte d'accordo con me. Peccato che gli altri frequentatori del blog continuano a tenersi per loro le impressioni ed i commenti...A presto, ma se non dovessimo sentirci, TANTI AUGURONI DI BUONE FESTE A TE E ALLA TUA FAMIGLIA. Un abbraccio.

     

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page