tpi-back

mercoledì 30 dicembre 2009

ricostruzione, casette & oro nero


A distanza di quasi 9 mesi dal terremoto il centro storico dell'Aquila è ancora territorio off limits. La tempistica prevista (dal governo dell'uomo dell'amore) per la ricostruzione si aggira intorno ai dieci-quindici anni. E forse non tutti lo sanno ma tra le risorse abruzzesi di sicuro interesse c'è ben altro che il patrimonio storico e naturalistico. Quello che realmente fa gola è l'oro nero: quel preziosissimo petrolio che è presente davanti alle coste abruzzesi. E la politica non si opporrà di certo agli interessi delle compagnie petrolifere. Ci mancherebbe altro. Soprattutto quando chi comanda è animato dall'evangelico senso dell'amore. E così sistemati gli aquilotti in villeggiatura o nelle casette in tempo per il Natale, ecco la carcassa della mamma Aquila che giace ferita e abbandonata al centro delle nidiate. Ora che i re magi Berlusconi e Bertolaso hanno recato il loro dono emergenziale, la povera città, anima della vita sociale e scrigno di patrimoni storici e artistici, è ancora territorio off limits. Tra quelli che se ne sono accorti, o hanno voluto accorgersene, c’è nientepopodimenoche il New York Times (http://www.nytimes.com/2009/12/24/arts/24abroad.html?_r=1&scp=1&sq=l'aquila&st=cse) che una settimana fa pubblicava un allarmante articolo al riguardo. Si sottolineava, facendo giusti paragoni con catastrofi del genere capitate in Italia nello scorso secolo, come un centro storico disabitato per dieci o quindici anni (questa la tempistica prevista dal governo per la ricostruzione) sia destinato a morte certa. Migliaia di beni di rilevanza culturale da salvaguardare, sperperi immotivati, fondi prosciugati, incartamenti burocratici, approssimazioni e assurdità: questi i freni alla ricostruzione individuati e messi in fila dal giornale statunitense, che ha ripreso anche le tristi parole del sindaco aquilano Massimo Cialente: «Temo una nuova Pompei». Calcolatrice alla mano (e seguendo il precedente di Onna, scelta come passerella naturale a favore di telecamera), trasformare L’Aquila in un suggestivo itinerario deserto che faccia spettacolo delle proprie rovine è forse l’ultima spiaggia rimasta, ora che la Corte dei conti ha anche bocciato Win for Life, la lotteria istantanea ideata come metodo per finanziare i lavori di ricostruzione. Tutto è possibile se chi governa (parlo sempre dell'uomo pieno d'amore) è un affarista interessato, per sua natura, più allo stato patrimoniale che al patrimonio storico e umano, e immagina che qualunque altro individuo sia sulla sua stessa lunghezza d’onda. La sbrigativa e costosa soluzione della new town fa pensare che la cura scelta per L’Aquila ferita sia volutamente palliativa, proprio perché ricostruire è infruttuoso nel breve termine, aureo spazio di tempo in cui il ritorno d’immagine è assicurato, mentre il ritorno di risorse un po’ meno. Come detto tra le risorse abruzzesi di sicuro interesse c’è ben altro che l’orso marsicano o una chiesa medievale, e non si trova sulla terra che trema, ma in alto mare: lo sanno bene i petrolieri in coda pronti a trivellare e costruire piattaforme a ridosso della costa, pochi chilometri a largo di San Vito e di Ortona. Solo i comitati locali e gli ambientalisti si stanno opponendo. La politica e il governo dell'amore invece no: l’Abruzzo petrolifero fa gola. E la roulette della ricostruzione continua a girare a vuoto. Con la benedizione dei re magi Berlusconi & Bertolaso.

2 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page