tpi-back

domenica 29 marzo 2009

leva il mostro dalla prima pagina


Ci voleva don Bruno Vespa per gettare il sasso nello stagno e ripristinare un minimo di serenità intellettuale in tutti quei famelici cacciatori di mostri da sbattere in prima pagina, dopo l'episodio dello stupro di San Valentino al parco della Caffarella? Evidentemente sì. Ed è durato il tempo di una fiaba la promessa di lavoro per Karol Racs, il romeno innocente marchiato col soprannome di "faccia da pugile", accusato senza uno straccio di prova d'essere stato uno degli stupratori della Caffarella e poi a catena di una seconda violenza sessuale, finché il dna ha detto che gli autori erano altri. Lui aveva sempre negato, indicando persone e luoghi dove aveva passato la serata. Ma le sue parole erano scivolate via come il vento. Non solo non lo credevano ma nemmeno lo ascoltavano. Invece l'hanno preso a botte. Sta scritto nei referti medici stilati all'ingresso in carcere. Tutti sanno cosa è veramente successo. Nelle redazioni e in tribunale la voce corre. I dettagli passano di bocca in bocca. Ma nessuno pronuncia la parola giusta, quell'unica parola che direbbe tutto e spiegherebbe tante altre cose, per esempio la confessione estorta all'altro protagonista della vicenda, Alexandru Loyos Isztoika, il "biondino" (anche lui scarcerato dal Tribunale della Libertà). Quella parola che nemmeno esiste nel nostro codice penale. Fatto quasi unico: il reato di tortura non c'è, non perché non esiste il comportamento criminale che lo caratterizza ma perché manca la qualificazione giuridica che lo definisce. Come a dire che la "bancarotta fraudolenta" non esiste, non perché gli imprenditori non scappano con il malloppo ma perché non è previsto il reato che la persegue. Giochi di prestigio, assoluzioni preventive degli apparati. Karol Racs, dunque, doveva essere il perfetto colpevole con quella faccia lombrosiana segnata da una vita difficile. Orfanatrofio, lavori umili, espedienti, mai reati però. Anonimo tra gli anonimi che affollano le file degli umiliati e offesi. All'uscita dal carcere l'hanno rimesso a nuovo: vestiti, una Mercedes ad aspettarlo, albergo e ristorante per una settimana. Era l'accordo che il suo avvocato gli aveva garantito per l'esclusiva concessa a "Porta a Porta". Lì, spaesato più che protagonista, aveva fatto da comparsa alla cerimonia buonista del risarcimento pubblico, ma poi la serata ha preso un'altra piega. Nel parlamentino di Vespa nessuna domanda sulle percosse e solite passerelle per i politici di turno. Il Sindaco Alemanno ha mostrato una sola preoccupazione: onorare l'azione di quella polizia che in questa vicenda ha fatto solo disastri, sommando sofferenza a dolore, moltiplicando le vittime e lasciandosi quasi sfuggire i colpevoli. La deputata Livia Turco del PD invece si è domandata dove fosse il punto d'equilibrio tra riconoscimento della sofferenza della vittima e garanzie giuridiche per chi finisce sotto accusa. Come se le due cose fossero incompatibili, come se evitare il coinvolgimento d'innocenti fosse un insulto e non un modo per dare giustizia alla vittima. Parole che hanno reso più chiare le ragioni del silenzio della sinistra in questa vicenda dominata dalle destre, moderate ed estreme, con il decreto sicurezza, le ronde, lo squadrismo, l'odio e il razzismo più sfrenati. La sinistra si è arresa da tempo. Di fronte alla vittima ha rinunciato alla presunzione d'innocenza. Il paradigma vittimario dilaga, obnubila. Proposta come esperienza unica e incomparabile, la sofferenza della vittima strumentalizzata politicamente assume una visione assoluta, fino a rivendicare una sorta di monopolio del dolore, un'esclusiva narcisistica e perciò concorrenziale verso le altre vittime, fino al negazionismo altrui. Da qui l'edificazione di una scala di valori che paradossalmente preclude l'altro: la vittima ritenuta immeritevole e socialmente debole. Rinchiusa nella torre d'avorio del proprio dolore, il punto di vista vittimario diventato marketing politico si è trasformato in una tirannia che semina ingiustizie, legittima abusi e fomenta il populismo penale. E così Racs, vittima negata di tutta la vicenda, ha fatto la fine di Cenerentola: allo scadere della mezzanotte il sogno di una vita normale è svanito. Le diverse offerte di lavoro si sono liquefatte. In particolare quella di Filippo La Mantia, lo chef che aprirà ad aprile un ristorante nel centro di Roma. Il cuoco, che anni fa subì un'ingiusta detenzione, ha dovuto fare retromarcia di fronte alle proteste e alle minacce ricevute. Tre cameriere si sono licenziate appena saputo dell'arrivo del romeno. Una ditta di facchinaggio ha protestato, sostenendo che c'erano italiani che avevano più diritti. Dall'estero un'agenzia turistica ha fatto sapere che non avrebbe più inviato clienti se Racs fosse stato assunto. Ieri, in serata, è arrivata una nuova offerta da parte di Vittorio Sgarbi, sindaco di Salemi. Ma non sarà certo quest'annuncio che impedirà di chiedermi se siamo di fronte a un razzismo dilagante. O forse a qualcosa di più e di peggio. Ormai lo spettacolo della cronaca nera annichilisce, spinge a barricarsi in casa, votare i politici che chiedono "legge e ordine", odiare chi sta peggio e adulare chi domina. Ma non mi sembra proprio un bell'andare...

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page