tpi-back

lunedì 18 febbraio 2008

le lezioni di giornalismo di Emilio Fede


Ero proprio curioso di rivedermi (e risentirmi) le parole spese in tv, dal suo pulpito preferito (il TG4), dal cavaliere già completamente in trance elettorale, che non ha perso tempo per iniziare a vaneggiare e a ricominciare il suo rilancio in campo avversario della palla avvelenata fatta dalle solite menzogne e dai soliti slogan. E sono stato accontentato dall'edizione delle ore 19.00 del TG4 diretto e condotto da quella macchietta di telegiornalista che risponde al nome di Emilio Fede, supremo esempio di prostituzione mediatica. In apertura di telegiornale il direttore (mai carica fu meglio usurpata) declama il collegamento in diretta da Arcore con sua maestà Silvio Berlusconi. Silenzio assoluto, telecamera fissa su Fede, imbarazzo di prammatica, del cavaliere nemmeno l'ombra. Ci risiamo, immagino adesso la sfuriata del "fuori onda" con i soliti impropèri e le solite urlatacce del sommo Emilio, tutta roba per Striscia La Notizia e per Blob. Viene in soccorso un servizio "tappabuchi" mentre si perfeziona il collegamento con Arcore. Al rientro in studio, la faccia violacea di Fede ci fa capire che il collegamento alla fine c'è, il caimano impettito con i fogli in mano come un conduttore televisivo è inquadrato, sullo sfondo un angolo del suo salone di Arcore impreziosito da quadri e sculture d'autore, luci soffuse e colori non propriamente di destra. La lezione di giornalismo del professore Fede inizia con il dare servilmente la parola al suo mèntore, non prima di aver ricordato che forse ancora oggi il cavaliere potrebbe dire la famosa frase del 1994 "...voglio vivere da uomo libero in un Paese libero...". E lui (il cavaliere) ovviamente conferma e sottoscrive. Il maestro Fede poi gli serve su un piatto d'argento quello che, a suo giudizio, è il fallimento di Prodi. E il caimano ci sguazza come non mai in questa melmosa oasi di psudogiornalismo, o giornalismo bulgaro che dir si voglia. Alla fine non riesco a proseguire nell'ascolto e nella visione di questo insulso esempio di telegiornale (provateci voi a vederlo: http://www.video.mediaset.it/video.html?sito=tg4&categoria=tg/edizione_1900), spengo la tv e vado al bagno...Buona notte.

0 Commenti:

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page