tpi-back

lunedì 2 gennaio 2006

una foto, la tua voce

Questa è, in anteprima assoluta per i lettori del mio blog, la foto scattata da nikoneffe (il mio nuovissimo amico di blog e di web) in Iraq, a Baghdad, l'altro giorno e che cristallizza un momento di vita (mi si passi l'eufemismo) quotidiana degli iracheni e di chi vi soggiorna (come nikoneffe) per meri motivi di lavoro, non certamente per volontà turistica. Ringraziando ancora sentitamente il mio nuovo amico romano, volevo farvi riflettere sulla potenza dell'immagine e dello scatto fotografico in sè. Quante volte ci siamo soffermati, magari sfogliando un settimanale di gossip o di costume, sulla foto di un vip o similtale, di una luccicante fuoriserie o di una rombante moto, sul brilluccichìo di uno smeraldo incastonato in un anello piuttosto che su di un orologio di gran marca. Tutte cazzate! Tutte immagini senza senso e senza anima, inutili, esclusivamente commerciali e globalizzate. Questa foto è la vera essenza della parola trasformata in immagine, attimo perpetuo, eterno, indelebile. La fotografia, il rapire in un milionesimo di secondo l'anima, il cuore, le viscere della realtà osservata tramite il mirino della scatola nera (colore classico per eccellenza per le macchine fotografiche) con tanto di autofocus o esposimetro o altro utile alla bisogna. Utile per trasmettere con l'immagine la stratificazione massima della parola, asciutta, essenziale, idonea a colpire il centro del nostro interesse, nel nostro più profondo io. Utile per parlare senza usare miliardi di inutili parole. Utile per riflettere, soprattutto. Grazie ancora, caro nikoneffe, per la tua parola arrivata qui sul mio blog in un attimo,quasi per magìa, dopo aver attraversato migliaia di chilometri e, spero, di cuori. Grazie ancora!

2 Commenti:

  • Alle lunedì 2 gennaio 2006 17:02:00 GMT+1 , Anonymous caleidoscopio ha detto...

    Oggi, leggendo il presente blog, rivolgo una muta preghiera di ringraziamento a Dio per aver fatto nascere colui o coloro che hanno avuto l'idea di INTERNET. Ci pensi, caro Nomadus, dall'Iraq (Baghdad) Nikoneffe ti ha augurato Buon Natale due ore prima della mezzanotte. Una persona che neanche conoscevi, Nomadus, una persona spinta dal desiderio di conoscerne altre e che ama bloggare. Sai, la cosa può sembrare strana, ma il filo dei miei pensieri va alle classi superiori, frequentate presso un istituto professionale, dove il mio insegnante di Italiano cercava di spiegarci la base sulla quale si fondava l'opera omnia di Niccolò Machiavelli, ossia che fondamentalmente l'uomo è lupo all'altro uomo. In questo caso quanto si sbagliava, poverino, molto probabilmente non ha mai amato. Comunque mi stringo accanto a te, Nomadus, ed auguro a Nikoneffe, insieme ad un abbraccio forte forte, un buon Anno, anche se in ritardo.

     
  • Alle lunedì 2 gennaio 2006 20:03:00 GMT+1 , Blogger nomadus ha detto...

    Cara Caleidoscopio, ti chiamo CARA perchè ormai so per certo che sei una donna ( e che donna)fornita di sensibilità ed acume intellettuale, oltre a garbo e stile di scrittura. Orbene, io ti ringrazio pubblicamente per il tuo intervento e per i tuoi auguri a me e a Nikoneffe, per i tuoi ringraziamenti e per le tue citazioni del Principe. Mi hai scritto un'altra e-mail (che non pubblico, ma che apprezzo, essendo intrisa di cose troppo personali) precisando la definizione "l'uomo lupo all'altro uomo" che secondo Machiavelli (non secondo te) è l'estrinsecazione del senso di inimicizia che sta alla base del rapporto tra gli uomini. Ti ringrazio per la precisazione, e ci tengo a sottolineare che (come ho ampiamente trattato nel post "Emozioni in Rete")la penso come te, che l'uomo nasce fondamentalmente dall'amore, durante la sua vita cerca, insegue, anela l'amore, a volte riuscendovi, a volte no. Come giustamente scrivi nella seconda stesura "non c'è una risposta al perchè delle guerre, al perchè dell'odio razziale...", alla stupidità umana nelle sue mille sfaccettature, aggiungo io. Per fortuna che esistono persone come te, come Nikoneffe, come l'anonimo che scrive su questo blog e che forse è in vacanza, come tante altre persone di buona volontà che ci leggono e ci sono vicini anche solo con la condivisione di un pensiero e di un semplice augurio, per un anno migliore. Come quello che faccio, a tutti voi, ancora una volta con il cuore!

     

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

Link a questo post:

Crea un link

<< Home page